Una posizione scomoda

posizione scomoda“In famiglia non ne sanno nulla. Se solo intuissero qualcosa, mia mamma si stabilirebbe in una chiesa con la tenda da campeggio per una maratona ininterrotta di rosari. Mio padre, invece, prenderebbe di corsa il tomo delle Pagine Gialle per cercare il numero di Milingo sotto la ‘E’ di Esorcismi. Io stesso fatico a crederci. Perché, parliamoci chiaro, la mia è una fine assurda. Nemmeno una veggente strafatta di crack avrebbe potuto prevedere una cosa simile.”

Fabio Loiero ha frequentato il corso al Centro Sperimentale di Cinematografia e sognava grandi film, grandi studi, grandi registi, grandi attori, il red carpet del Festival di Cannes. Lui è un patito dei grandi capolavori! Al cinema va poco proprio perché, quando guarda un cult, vuole silenzio e pace… i film fatti bene diventano il suo personale tempio di meditazione. Ci ha messo ben due anni per partorire ‘Il cielo di piombo’, una sceneggiatura che sicuramente diventerà una grande pellicola! Eppure la vita è strana.

Fabio lavora per Romina, titolare della casa di produzione Starlette, la cui pagina su Youporn è tra le più cliccate. Sì, Fabio scrive per il porno. Contratto a tempo indeterminato e un bonus di 500 euro al mese se supera le venti sceneggiature al mese. ‘L’importanza di chiavarsi Ernesto’ gli frutta addirittura una nomination per la migliore sceneggiatura ad una specie di Festival di Cannes per il porno. Il premio è una nerchia d’oro.

“Il mio genere di riferimento è quello che definisco ‘citazionista’. Riscrivo in chiave hard le migliori sceneggiature di tutti i tempi: Analcord, Erezioni di piano, Il glande freddo.”

Una posizione scomoda è il primo romanzo di Francesco Muzzopappa.Francesco è uno tra i più conosciuti e apprezzati copywriter italiani.

Lo stile di Francesco è ironico, brillante e, inoltre, mi sono ritrovata a ridere con le lacrime agli occhi. Esprime perfettamente il disagio di un uomo che fa un lavoro che non gli piace, uno di quei lavori che pagano l’affitto per intenderci, senza mai buttare il protagonista nell’autocommiserazione.
Sempre più spesso, infatti, capita di doversi svendere e di doversi piegare a certi meccanismi per pagare le bollette, o per comprare pizze surgelate da mangiare in compagnia di te stesso.

Centomila applausi a Francesco. Con i tempi che corrono, una risata ti cambia davvero la giornata.

Io vivo in due mondi paralleli, quello dei libri e quello degli esseri umani. Ed è grazie al primo che sopravvivo al secondo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*