L’eccentrico mondo di Benjamin Lacombe

Benjamin-Lacombe

Benjamin Lacombe è un giovane e, lasciatemelo urlare ai quattro venti, affascinante illustratore ed autore parigino. I suoi libri sono avvolti da una magia tutta particolare, il tocco eccentrico ed originale dei suoi disegni è riconoscibile tra mille. I temi più ricorrenti dei suoi libri sono l’infanzia, la differenza e la malinconia. L’ispirazione di Benjamin attinge sia correnti lontane, come la pittura dell’età vittoriana e il Quattrocento italiano, sia da correnti più contemporanee, come Tod Browning e Tim Burton. Ma le vere muse di Benjamin sono i suoi due adorati cani, Virgile e Lisbeth.
Per le sue illustrazioni utlizza varie tecniche, dalla pittura ad olio alla grafite passando per il ferro a caldo. Tutto ciò gli permette di ottenere vari effetti a seconda di quello che vuole trasmettere al lettore.

Tutti i suoi libri li trovate qui. Io ne riporterò di seguito solo alcuni, come ad esempio il magnifico libro pop-up C’era una volta, che è un vero e proprio gioiello da collezione e dove “Le più belle fiabe sono diventate quadri.
Un libro di fiabe è ora una galleria d’arte”. 

O magari vi piacerà vedere Biancaneve come non l’avete mai vista, così gotica…

biancaneve_lacombe

Inoltre, dato che di sole fiabe non si vive, Benjamin ha pensato anche di illustrare la bella Esmeralda ed il gobbo di Notre-Dame de Paris di Victor Hugo…

hugo_lacombe

… e Les contes macabres (in italiano I racconti macabri) di Edgar Allan Poe.

poe_lacombe

Questo Benjamin sembra avere tutto per sé: bellezza, talento ed abita in una delle città più belle del mondo, Parigi.Uno dei suoi ultimi lavori sembra davvero bellissimo e si chiama L’Herbier des Fées (in italiano L’erbario delle fate).

Benjamin Lacombe espone le sue opere regolarmente e collabora con Ad Hoc Art (New York), L’Art de Rien (Parigi), Dorothy Circus (Roma), Maruzen (Tokyo), Nucléus (Los Angeles) e la galleria Daniel Maghen (Parigi).

Io vivo in due mondi paralleli, quello dei libri e quello degli esseri umani. Ed è grazie al primo che sopravvivo al secondo.

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*