#unsmspercaffeina

Lo scorso 9 Gennaio, a Roma, si è riunito il coordinamento de “Le Città del Libro“, l’iniziativa nata per favorire l’incontro ed il confronto tra piccole e grandi città d’Italia che organizzano festival e Saloni dedicati al libro, alla letteratura e alla cultura editoriale.

Il primo convegno ha avuto luogo nell’Aprile del 2013, e come si legge nella nota del Centro per il libro e la lettura: “(…) l’Unesco tutela infatti da anni come patrimonio dell’umanità beni di cultura immateriale come il teatro dei pupi siciliani e la dieta mediterranea, le canzoni baltiche e il Carnevale di Binche, la legislazione italiana riserva lo status di bene culturale e la conseguente tutela soltanto a beni materiali come musei e monumenti, opere d’arte e siti storici e archeologici. Eppure il rapporto che si crea tra un festival o salone attivi da anni o addirittura decenni in un determinato territorio e il genius loci che li ha prodotti non è meno vincolante nel plasmarne il legame con una specifica città, le sue pietre, persone e anime. Un Salone o Festival non nasce a caso, ma sorge lì dove si creano alchimie e situazioni ambientali spesso irripetibili nel rapporto con la città intesa come quinta urbana con le sue istituzioni, i suoi palazzi, chiostri, giardini, botteghe e tessuto umano ed economico, al punto da renderne impensabile una sua trasportabilità oppure la sua cancellazione senza infliggere una grave perdita alla biodiversità del panorama culturale del nostro Paese. Sono maturi i tempi per mettere a punto gli strumenti volti a tutelare e difendere questo vincolo, in modo da preservarne la specificità e infungibilità.”

I Festival dunque, sono dei beni culturali immateriali da tutelare.

Premesso questo…

Caffeina Cultura è un festival che si svolge da sette anni, che ha avuto il merito di trasformare la provincia di Viterbo in un palcoscenico pronto ad accogliere tra le più importanti voci del panorama culturale contemporaneo.

Caffeina Cultura quest’anno rischia di scomparire.

Per questo motivo numerosi scrittori, giornalisti e personaggi che nel corso di questi anni sono stati ospiti della rassegna hanno deciso di manifestare il proprio sostegno affinché questa realtà culturale continui ad esistere (qui potete leggere qualche contributo).

Per sostenere Caffeina Cultura è possibile inviare o un sms al 366.4780203 o attaverso Twitter utilizzando l’hashtag #unsmspercaffeina

Noi di Alcolibri Anonimi sosteniano Caffeina Cultura, e voi?

 

 

 

 

Sono solita riordinare i pensieri tra gli scaffali di una libreria. Venero il “Dio” Gutenberg, sono devota a monsieur Kindle, e sono pronta ad abbracciare qualsiasi nuovo credo riesca a proiettarmi in una realtà fatta di parole e immagini da raccontare. Qualora rischiassi di dimenticarlo, la foto di una barca mi ricorda che “La educación es libertad”. Quoto Pennac e penso che tacere, a volte, oltre ad essere un diritto sia un dovere. Da grande voglio essere una Haijin. Ecco il mio haiku: sono seduta/ invoco lo scapezzo/ mannaggia mondo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*