Torino, al via Portici di Carta 2016

Ha aperto i battenti questa mattina alle 10 la “libreria più lunga del mondo”: oltre due chilometri di banchi ed espositori lungo un percorso che si snoda lungo via Roma, passando per piazza San Carlo e piazza Carlo Felice a portici-di-carta-alcolibri-anonimiTorino. Stiamo parlando dell’edizione 2016 di Portici di Carta, la rassegna  giunta quest’anno alla sua decima edizione. Un appuntamento che vedrà presenti ben 120 librai.

Il fine settimana torinese offrirà una fitta serie di iniziative legate alla passione per i libri e, più in generale, al mondo dell’editoria. Da segnalare, in particolare, le passeggiate organizzate per riscoprire gli angoli della città che sono stati protagonisti di racconti e romanzi, oltre che luogo dove hanno vissuto e lavorato scrittori ed artisti.

Non mancherà una iniziativa dedicata ai bambini delle regioni terremotate dell’Italia centrale: tutti potranno acquistare un libro e portarlo in piazza San Carlo presso lo spazio bambini. Nella giornata di domenica i libri raccolti saranno consegnati al Dipartimento Educazione del Castello di Rivoli.

Questo il programma per il fine settimana:

Sabato 8 ottobre

Ore 11:30 – Augusto Monti, ‘Il Profe’
Ore 15:00 – Autunno sul Bosforo
Ore 16:00 – C’era una volta un c’era una volta ed ora non c’era una volta più
Ore 17:00 – Un editore per Portici di Carta: i settant’anni di Neri Pozza
Ore 17:30 – Il cibo in valigia. Storie di migrazione e di vita
Ore 18:00 – Gli anni di Umberto Eco a Torino
Ore 18:30 – Aperitivo musicale con Lupita
Ore 19:00 – Di che libro sei?
Ore 21:00 – 2006_2016, 10 anni di libri, una notte di festa per la Torino che legge

Domenica 9 ottobre

Ore 11:00 – Le autrici del Concorso letterario nazionale Lingua Madre
Ore 12:00 – Max Mannheimer: l’eredità della testimonianza
Ore 14:00 – Bellydea Danza del Ventre
Ore 15:00 – Ma veramente…
Ore 15:30 – La Paranza del Geco
Ore 16:00 – Incontro con David Nicholls
Ore 17:00 – Dopo Montalbano, Schiavone e i vecchietti del Bar Lume… Saverio Lamanna
Ore 17:30 – Danze Greche
Ore 17:30 – Incontro con Saida El Gtay e Nicolò Angellaro
Ore 18:00 – Incontro con Stefano Benni
Ore 19:00 – Un libro per ri-costruire

* foto da La Stampa

Un errore della Storia. Questo è Franz Ferdinand. Nato in riva al mare, ma amante delle solitudini alpine; aristocratico in un mondo disegnato su misura per le incolte plebi; accumulatore (e lettore!) di carta stampata fra miriadi di "lettori" di sms e pdf. Dall'innaturale connubio tra locus (terronico) ed animus (asburgico) nasce il monstrum Franz Ferdinand. "Attendere l'Apocalisse in compagnia di un libro e di una tazza di caffé"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*