Guna: l’uomo e le sue emozioni dopo l’apocalisse

Un gruppo di circensi in fuga dalla guerra. Carri e tendone nascosti all’interno di un bosco: spazio che nel medesimo tempo protegge ed isola, amplificando emozioni e tensioni presenti all’interno di questa singolare comunità. E’ in questo scenario apocalittico, segnato da un’atmosfera a tratti claustrofobica ed irreale, che è ambientata la graphic novel Guna –ed. Nicola Pesce, 19 euro- firmata dal duo Giovanni Masi –Nigraz.

La narrazione si dipana veloce, incalzante ed intensa, aiutata in questo da uno stile dei disegni netto eppure a tratti quasi onirico, in grado di conferire carattere e personalità anche alle figure che rischiano di apparire meri stereotipi, ad iniziare dalla donna barbuta, dal gigante forzuto per arrivare al domatore che ha nel vecchio leone il suo migliore amico. E proprio gli animali che accompagnano questa insolita comunità circense –assunta ben presto a metafora dell’intera umanità alle prese con le proprie paure e speranze- hanno un ruolo fondamentale nel dipanarsi della trama. E non solo in veste di coprotagonisti, bensì in qualche caso come motore primo dell’azione.

Ispirato alla Teoria buddista dei 10 mondi –come puntualmente indicato a fine volume- questo vero e proprio romanzo a fumetti riesce a toccare con delicatezza temi profondi, scavando dolcemente –anche quando fa male- nella complessità dell’animo umano. Una veste grafica curatissima conferisce, poi,ulteriore pregio ad un lavoro meritevole di attenzione

Franz Ferdinand scripsit

Un errore della Storia. Questo è Franz Ferdinand. Nato in riva al mare, ma amante delle solitudini alpine; aristocratico in un mondo disegnato su misura per le incolte plebi; accumulatore (e lettore!) di carta stampata fra miriadi di "lettori" di sms e pdf. Dall'innaturale connubio tra locus (terronico) ed animus (asburgico) nasce il monstrum Franz Ferdinand. "Attendere l'Apocalisse in compagnia di un libro e di una tazza di caffé"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*